"Skinny Dipping"

In esposizione la personale "Skinny Dipping" di Simon Laureyns, da giovedì a sabato dalle 15 alle 19 e su appuntamento, fino al 29 settembre.

Dopo aver esposto la serie Pooltable painting, dei Billboard painting e alcuni pezzi del lavoro scultoreo Memory Lane, è il turno della serie Shelter painting, porzioni di tende da campeggio intelaiate, l’ultimo elemento nomade della civiltà contemporanea urbanizzata. La serie Shelter painting, esposta per la prima volta a #fuocoapaesaggio (Forte di Monte Ricco, Pieve di Cadore, IT), vuole evidenziare l’importanza dell’organizzazione sociale, dettata da regole ora stereotipate che nel corso dei secoli sono andate a circoscrivere la libertà individuale ed intrinseca dell’essere umano. La tenda, l’elemento identificato, è l’abitazione mobile per eccellenza, nasce dalla necessità di spostamento delle comunità nomadi. Tipica delle popolazioni non stanziali che dovevano spostarsi da un luogo all’altro in cerca di cibo seguendo la stagionalità, quest’abitazione è stata poi sostituita da nuclei urbani in evoluzione, quando l’uomo ha deciso di sostare per un lungo periodo in una zona creando nuove regole sociali e civiche. Con i Shelter painting, l’artista individua la contrapposizione che l’uomo istintivamente possiede con le leggi sociali da lui stesso create, che l’hanno reso sedentario, verso il bisogno e il desiderio di riconquista di una libertà che lui stesso si è negato. È come se Simon Laureyns, decidendo di porzionare ed intelaiare il tessuto tecnico, sia il primo a tentare, in maniera consapevole, di riconquistare l’iniziale libertà, come l’uomo tenta di fare decidendo di tornare ad un nomadismo moderno e sospendere regole sociali. Ed è proprio all’interno del titolo - della seconda personale di Simon Laureyns ad A+B Gallery – Skinny Dipping che si coglie pienamente il significato dell’azione dell’artista. La tenda, nata con lo scopo di protezione e di riparo, è sempre stata il luogo sicuro dove potersi spogliare da ogni travestimento sociale, spazio-rifugio dove poter tornare primitivi. La tenda, come luogo d’intimità ma anche come una pelle da cui non possiamo spogliarci, in quanto spazio della verità e libertà incondizionata.

A+B Contemporary Art
Brescia, via Gabriele Rosa 20a
Fino al 28-09-2018
www.aplusbgallery.it
ALTRI EVENTI in Mostre
venerdì 10 agosto 2018