La torre delle favole / "Iosù" di Alessandro Sanna

Fino al 15 aprile, nuovo percorso dedicato alla fiaba, protagonista Iosù spirito fanciullo che con un semplice annaffiatoio rivoluziona la città. Tappeto magico e allestimento scenografico multimediale a cura di Scena Urbana; Percorso teatralizzato a cura di Sonia Mangoni, con Michele D'Aquila, Stefania Mancini e Sara Manduci, movimenti di scena di Giulia Gussago. Visite teatralizzate per le scuole (da lunedì a sabato dalle 9 alle 12 su prenotazione) e per tutti (domeniche e festivi dalle 14.30 alle 18 su prenotazione). Chiuso domenica 1 e lunedì 2 aprile.

IOSÙ
(pensieri di Alessandro Sanna sul progetto libro)
Il soggetto di Iosù mi è stato suggerito dalla compositrice Elisabetta Garilli che col suo entusiasmo contagioso mi ha invitato ad inventare un personaggio per uno spettacolo a sfondo ambientalista con riferimenti alla danza e al Tai Chi.
L’invito di Elisabetta è combaciato con la richiesta di realizzare un libro illustrato per l’annuale manifestazione “La Torre delle Favole” di Lumezzane.
Ho colto subito entrambi gli inviti facendoli convergere in un unico progetto.
Il personaggio di Iosù è un bambino ma allo stesso tempo un segno alla maniera degli angeli di Klee. Un essere leggero e ultraterreno che crede nella natura e nella sua energia vitale.
Iosù annaffia la città dove vive e ci crede talmente tanto che dai marciapiedi, dai muri e dai tetti delle case iniziano a spuntare piante e fiori.
Gli abitanti della città non riescono più a muoversi e chiedono aiuto a Iosù che semplicemente li invita ad accettare quel mondo primitivo che sovrasta tutto.
Per realizzare le immagini del libro mi sono servito di timbri comprati e realizzati apposta per il progetto.
L’idea dei timbri mi ha consentito di costruirmi le regole del gioco che mi sono state utili per creare tutto l’impianto visivo.
La composizione un po’ retrò mi ha permesso di sviluppare le immagini con riferimenti a diverse culture che partono dalla grafica occidentale per arrivare a quella orientale. Ho inserito ingredienti Pop e di gusto vagamente giapponese.
Il libro va recitato ad alta voce ad un pubblico di tutte e le età e il soggetto del libro come l’ambiente bene si prestato per adattamenti teatrali e incontri laboratoriali per qualsiasi età.

ALESSANDRO SANNA
Nato nel 1975 a Nogara (VR), vive e lavora a Mantova.
Ha illustrato libri scritti da David Grossman, Italo Calvino, Roberto Piumini, Gianni Rodari, Vivian Lamarque, Beppe Fenoglio, Folco Quilici, Massimo Carlotto e altri.
Realizza libri illustrati come autore totale.
Tre volte Premio Andersen, premio indetto dall’omonima rivista italiana di promozione alla letteratura per ragazzi.
Premio Rigamonti nel 2009 indetto dalla galleria d’arte San Fedele per artisti visivi under 35.
Premio Lo straniero 2014 indetto dall’omonima rivista diretta da Goffredo Fofi.
Nel 2007 realizza per Corraini editore un libro “d’arte” in coedizione col Centre Pompidou di Parigi: Mostra di pittura.
Dal 2007 inizia un’importante collaborazione con la casa editrice Einaudi per la quale, nel 2015, esce nella prestigiosa collana “millenni” il volume “L’anima degli animali” con scritti di Plutarco, Aristotele e Porfirio con immagini dipinte ad acquarello.
Nel 2013 ha realizzato un grande murale all’interno della nuova biblioteca post terremoto di Finale Emilia.
Nel 2013 realizza Fiume lento edito da Rizzoli in Italia e in vari paesi tra cui Stati Uniti, Spagna, Germania, Cina e Repubblica Ceca, dove gli originali del libro sono stati esposti presso Villa Pellè di Praga.
Illustratore della rubrica Fumoir per Vanity Fair France.
Dal 2016 è disegnatore della rubrica Spazio libero di Gioia, Hearst Magazine.
Docente di illustrazione per l’editoria presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dal 2013.
Nel 2016 è stato selezionato nella shortlist dell’ambito Hans Cristian Andersen.
Da Fiume lento in poi inizia una importante collaborazione con la casa editrice americana di New York, Enchanted Lion Books.
Recentemente le sue immagini sono state utilizzate per decorare il reparto di cardiochirurgia dell’ospedale Regina Margherita di Torino.
Del 2017 è un vorticoso e ossessivo lavoro sull’immagine di William Shakespeare dato alle stampe dall’editore Corraini e con uno spettacolo presso il teatro Ristori di Verona a cura di Elisabetta Garilli.

Torre Avogadro
Lumezzane, via Torre a Lumezzane Pieve
Fino al 14-04-2018
030.8971245
Ingresso libero
ALTRI EVENTI in Convegni, Incontri e Vernici
martedì 13 febbraio 2018