Tras.Formazione

Rassegna di scultura "Tras.Formazione" degli artisti Dadamaino, Manzù, Martini, Pomodoro, Lusetti, Schiele, Caffetto, Festa, Dangelo, Sciola, Soddu, Tiche, Berrocal, Cosentino, Bonetti, Franchi e De Jong. Per secoli la scultura ha adottato la figura umana, come oggetto della sua poetica. Nelle civiltà antiche e primitive il nudo femminile, con le sue forme morbide e tondeggianti, rappresentava la fertilità. La ricerca delle proporzioni dei canoni è il risultato di una osservazione ed esperienza che porta a fissare nell’arte le forme più tipiche incontrate in natura, riconducibili a certe costanti. Il "fine" , cogliere nel mondo circostante, gli elementi rindondanti e sicuri. Con l’arte rinascimentale l’attenzione si sposta sull’aspetto anatomico sulla sua deformazione, dall’armonia delle proporzioni, fino alla libera espressione della soggettività. La scultura moderna ritorna a più riprese ad utilizzare il canone, come anche nei contemporanei, le figure mitologiche e le potenzialità dei canoni e dei modelli diventano ancora una volta oggetto di studio, la risposta a quesiti strutturali.
Il ‘bello ideale greco’ viene ripreso da artisti concettuali. L’atteggiamento razionale di questi ultimi, dimostra un’attaccamento ai principi base della geometria astratta: il calcolo, la simmetria, la struttura, il modulo trovano la radice nella tradizione classica. Gli scultori astrattogeometrici hanno impostato i loro lavori sulla ricerca di rapporti plastico- spaziali, tra pieni e vuoto, positivo e negativo,concavo e convesso. I volumi sono progettati per vivere nello spazio delle varianti di luce e ombra. Ancora una volta è il ‘modulo’ a dettare la ricerca, il filo conduttore degli scultori minimalisti che riducono ulteriormente il rapporto tra volume e struttura, fino alla semplificazione assoluta,in forme semplici e primarie.

Fino al 27 gennaio dal giovedì a sabato con orari 16.30-19.30

Ramera Arte Contemporanea
Brescia, via Moretto, 2B
14-16 dicembre, 21-23 dicembre, 28-30 dicembre, 4-6 gennaio, 11-13 gennaio, 18-20 gennaio, 25-26 gennaio
335.8419196 - 340.0653999
ALTRI EVENTI in Mostre
sabato 13 gennaio 2018