Valerio Moreschi

Mostra retrospettiva di Valerio Moreschi fino al 31 ottobre.

Una trentina di tele che il pittore ha realizzato nel corso della sua carriera sono state selezionate dall’associazione culturale Movente seguendo l’ispirazione del tema intorno a cui hanno ruotato le iniziative culturali dell’anno: ENDO-ESO-GAMìA. La percezione di interno e di esterno è soggettiva, individuale. L’elaborazione di questi concetti produce quello che costituisce ciò che è me da ciò che non lo è. Le opere pittoriche di Moreschi scelte per questa mostra sono una immersione di immagini, colori, sensazioni e percezioni in un costante lavorio di identità e straniamento.

L’esposizione è accessibile solo su appuntamento contattando il 3454399199 oppure il 3297887066.

 

Valerio Moreschi nasce a Brescia il 22 febbraio 1951 e vive a Bovezzo. La sua “vena artistica” spunta ben presto, a soli tredici anni, e dal 1975 comincia ad occuparsi attivamente e costantemente di pittura e scultura. Diviso fra queste due arti, Moreschi gioca con le forme e con i colori per stimolare la fantasia: far vedere ciò che non c’è attraverso forme e materiali che, invece, esistono e hanno una loro concretezza.
Nel corso della sua carriera Moreschi espone quelli che lui chiama i suoi “artefatti” in molte città d'Italia, ma soprattutto a Brescia e provincia ogni due o tre anni. Da alcuni anni ha trasferito il suo studio/atelier a Brescia, in via Morosini 1, negli spazi ricavati da un capannone industriale dagli alti soffitti e dotato, quasi come un'installazione, di tutte quelle apparecchiature ed impianti delle tipiche fabbriche metallurgiche del Bresciano. Qui studia, progetta e crea le sue opere che sono spesso di dimensioni ragguardevoli.

L’associazione Movente ha organizzato nel 2013 una mostra di opere scultoree dello stesso Moreschi. “Cerchiamo di dar voce a ciò che voce non ha, è questo il nostro motto”, spiega il presidente dell’associazione Giorgio Cervati. “Moreschi ha una produzione pittorica e scultorea sterminata. Già quattro anni fa restammo stregati dai suoi quadri, e ci ripromettemmo di organizzare un’altra esposizione dedicata solo ad una retrospettiva pittorica. Il tema associativo di quest’anno ben si prestava a fare da filo conduttore fra alcuni dei suoi quadri, così abbiamo mantenuto fede alla promessa”.

Associazione culturale Movente
Concesio, Via Europa 47/49
Fino al 30-10-2017
ALTRI EVENTI in Mostre
giovedì 12 ottobre 2017