I testimoni

Mostra "I testimoni" grafiche di Giuseppe Bocelli e testi poetici di Basilio Luoni. Orari: 10-12 / 15-18 tutti i giorni escluso il mercoledì.

I Testimoni segna il punto più alto dell’ormai quasi ventennale sodalizio tra due personalità artistiche di grande forza e originalità. Raramente una congiunzione di parole e immagini ha saputo imrpessionarmi e  commuovermi tanto. E non che i versi di Luoni sarebbero meno icastici senza le incisioni di Bocelli, o queste non così eloquenti nel loro silenzio. Non che l’uno abbia, davvero, bisogno dell’altro: ad entrambi si crede anche separatamente.

Francesco Rognoni

 

BASILIO LUONI è nato a Como il 30 maggio 1941. Vive sul lago a Lezzeno, dove dagli anni Sessanta dirige una Compagnia teatrale di “dilettanti”, per la quale ha tradotto in lezzenese – un dialetto sorprendente per “la sua arcaicità, espressiva e preziosa” (Isella) – commedie di Molière, Regnard, Beaumarchais, Aristofane, Plauto, Čechov, Puškin. Sempre per la Compagnia ha scritto i “misteri” El Natal (presentazione di Gianfranco Ravasi, Como  1994) e La Pasqua, e una rivisitazione dell’Odissea: El Baloss. Anticipato da Dante Isella sull’Almanacco dello Specchio (1993), il suo romanzo in versi El librô di figur è uscito in forma integrale nel 2015. In italiano ha tradotto e annotato varie opere, fra cui importanti antologie dei Tragiques di Théodore Agrippa d’Aubigné e del Cabinet des Fées (entrambe Rizzoli) e l’Histoire des chats di Paradis de Moncrif. È  impegnato nella compilazione de I termen de Lescen, un vocabolario del dialetto lezzenese di cui sono usciti i primi due quaderni (in copertina, acqueforti di Giuseppe Bocelli): I termini dei campi, delle cascine, delle stalle, dell’allevamento dei bachi da seta e delle api e I termini dei prati e dei boschi, dei boscaioli e dei maestri d’ascia (2016 e 2017).

 

GIUSEPPE BOCELLI è nato a Cremona nel 1949 e vive a Como. Magistrato fino al 2016, ha da sempre coltivato la grafica e la scultura (e più recentemente anche la pittura), riscuotendo, fra gli altri, l’apprezzamento di Giovanni Testori. Ha esposto in varie gallerie a Roma, Milano, Como, Mantova. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private, e in luoghi di culto. Sculture e incisioni sono riprodotte nei cataloghi Gli astanti e Graffiti (presentazione di Basilio Luoni, Mantova 2008 e 2011). Con Basilio Luoni ha realizzato: El ball de la Garìgôla (Como 1997); In cerca. Otto liriche di Gentilia Ardigò nel dialetto di Casalbuttano tradotte da Basilio Luoni nel dialetto di Lezzeno per un bestiario minimo di Giuseppe Bocelli (Como 2005);  Sparizioni. Sei liriche di Basilio Luoni e sei acqueforti di Giuseppe Bocelli (Lezzeno/Como 2006); Amor vitae amor mortis (Como 2011).  

Museo Diocesano
Brescia, Via Gasparo da Salò, 13
Fino al 22-06-2019
ALTRI EVENTI in Mostre
domenica 16 giugno 2019
lunedì 17 giugno 2019
martedì 18 giugno 2019
mercoledì 19 giugno 2019
giovedì 20 giugno 2019
venerdì 21 giugno 2019
sabato 22 giugno 2019
domenica 23 giugno 2019