Mareo Rodriguez

Mostra personale di Mareo Rodriguez dal titolo "Expansion". Aperta al pubblico dal giovedì al sabato dalle 15.30 alle 19.30 o su appuntamento.

"Expansion" dal latino, expansion, azione ed effetto dell'espansione o espansione. Azione per esternare effusivamente un sentimento o umore. Il lavoro di Mareo Rodríguez è organico. Le sue trame evocano paesaggi di altri tempi, forse un effetto nostalgico sul suo passato tra memoria e oblio. La natura, la materia e l'immaterialità e il trascorrere del tempo lasciano la loro impronta su rilievi e volumi che l'artista usa abilmente per articolare il presente.

Quando si contempla il suo lavoro, si percepisce il potere plastico esercitato dal colore nero latente in molte delle sue composizioni. Il nero e il suo potere metaforico associato al dolore, alla morte e al lutto assumono una nuova connotazione nella sua produzione. Quando Kasimir Malevich presentò la sua Black Square nel 1915, affermò che il suo lavoro non era un'imitazione della realtà ma era una realtà in sé. Con ciò ha enfatizzato l'idea che il suo lavoro non fosse una dimostrazione di abilità, ma la materializzazione di un'idea e che la materializzazione sia ciò che cerca Mareo. Il suo nero illumina, attrae e cattura l'attenzione dello spettatore in un viaggio che evoca un'introspezione personale. Osservando le loro opere, ci invitano a riflettere sulla componente spirituale che circonda ognuna delle nostre azioni quotidiane. La sua determinazione a esplorare la relazione tra la materia e il passare del tempo sono tradotte in pennellate sciolte e trame che ci ricordano la lava vulcanica. Una lava che si rivela a noi come una forza primordiale, come un creatore e distruttore di tutto ciò che è organico e ci incoraggia a riflettere sulla fragilità dell'essere umano. Mareo gioca con una dicotomia cromatica costante nella sua produzione artistica. Sempre alla ricerca di un equilibrio spirituale, combina, gioca e si esprime attraverso toni solidi e forti. Il suo universo è composto da bianchi immacolati, neri puri e riflessi dorati. Luci e ombre come una forma di espressione intervallata da raffiche dorate che illuminano e completano le opere. L'oro è accennato come una metafora dell'alchimia e del potere della trasmutazione della materia. La sua lotta per raggiungere l'equilibrio spirituale si riflette in queste combinazioni: una ricerca incessante della rappresentazione artistica della natura e, alla fine, di se stesso. Frequenze e Mantos rivelano la loro ansia di studiare e cercano di decodificare la relazione tra organico e geometria come pilastri per comprendere la natura. Le vertigini scavano in una delle ossessioni di ogni essere umano che non è altro che il desiderio di controllare la natura, l'organico e che, ironia della sorte, è irraggiungibile perché la sua condizione intrinseca è ingovernabile. La sua opera non rimane statica ma viene percepita come un legame adeguato e coerente nella sua evoluzione personale e artistica. (Testo di Ruben Alves - Curatore “Beninmadrid” Magazine)

Galleria E3 Arte Contemporanea
Brescia, via Trieste 30
Fino al 09-01-2019
ALTRI EVENTI in Mostre
martedì 11 dicembre 2018
mercoledì 12 dicembre 2018
giovedì 13 dicembre 2018
venerdì 14 dicembre 2018
sabato 15 dicembre 2018
domenica 16 dicembre 2018
lunedì 17 dicembre 2018
martedì 18 dicembre 2018