Ibrahim Kodra

Fino al 10 novembre, mostra dedicata a Ibrahim Kodra.

Descritto come un uomo dalla presenza importante, con passo deciso e massiccio, occhi vivi, irrequieti e pieni di luce, albanese d’origine, milanese d’adozione, di Ibrahim Kodra hanno scritto molti personaggi della scena artistico-culturale italiana e internazionale. Concentrato inizialmente su disegni che esprimono la drammaticità del secondo conflitto mondiale contemporaneo a quel periodo, è negli anni Sessanta che avviene la svolta cruciale per la sua arte: rivolgendo l’attenzione verso la ricerca di forme ed effetti cromatici nuovi, in cui le variazioni della luce si integrano alle geometrie delle forme, riesce a realizzare opere di forte emotività e dimensione magica, i cui elementi strutturali gli conferiscono un’unica e propria personalità artistica, al di fuori di “scuole” o tendenze. L’approfondita esplorazione di immagini informali sfocia in una geometria pura, in cui le forme si trasformano in simboli che rimandano a un’origine totemica, graffitica, nuovi segni di un linguaggio universale che rimandano alla purezza dei segni antichi. Non a sproposito, Paul Eluard lo definì, nel 1947 “il primitivo di una nuova civiltà” facendo riferimento proprio al superamento evolutivo del linguaggio pittorico europeo. Marco Valsecchi scrive di lui nel 1957: “Si direbbe che Kodra tra le tante sfaccettature del tardo cubismo del primo dopoguerra, abbia rintracciato le scaglie luminose dei vecchi mosaici bizantini, i bagliori delle antiche moschee e la favolosità dei pastori che bivaccavano sulle pendici dell’Olimpo”. L’Oriente entra senza schemi in una fusione magica tra una geometria delle forme - che si distribuisce creando un’architettura naturale con richiami futuristi - e una suggestione cromatica delle tonalità dell’azzurro sparse in modo graduale, riuscendo a coniugare in modo morbido il suo vissuto milanese e le sue radici culturali albanesi. Spazialità e geometrizzazione delle figure si aggiungono a un universo surreale, ingenuo e favoloso. Ibrahim Kodra è l’artista che ha fatto suo il costruttivismo geometrico e l’ha reso poetico e magico. Dolce. Ne ha fatto la chiave per esprimersi e celebrare, a modo suo, la vita. La mostra Ibrahim Kodra presso la galleria Gare82 di Brescia presenta 42 opere dell’artista che raccontano l’arco temporale compreso tra il 1972 e il 1977, provenienti dalla collezione privata dei fratelli Ferdinando e Mario Spalinger che con Kodra hanno sempre avuto un rapporto di profonda stima e di cui sono stati mecenati nel corso degli anni Settanta.

Gar82 galleria d'arte contemporanea
Brescia, via Giulio Togni 31
14 ottobre-9 novembre
348.2669339
ALTRI EVENTI in Mostre
venerdì 16 novembre 2018
sabato 17 novembre 2018
domenica 18 novembre 2018
lunedì 19 novembre 2018
martedì 20 novembre 2018
mercoledì 21 novembre 2018
giovedì 22 novembre 2018
venerdì 23 novembre 2018